Una buona notizia

Categoria: Notizie
Pubblicato Domenica, 09 Febbraio 2014 15:11
Scritto da Amministratore
Visite: 26132

ASL NA1, CONCORSO PER 74 ASSISTENTI AMMINISTRATIVI RISERVATO ALLE CATEGORIE PROTETTE:

 

una buona notizia

 

il TAR della Campania accoglie il ricorso

I ricorrenti, dopo aver partecipato alla procedura selettiva per 74 assistenti amministrativi indetta nel 2010 dall’ASL NA1 venendo ammessi con altri – per un totale di più di duecento candidati – si videro in maniera del tutto immotivata bloccato il concorso e non riuscirono a “sbloccarlo” neanche a seguito di diffida (che è rimasta senza riscontro).

Per questa ragione si rivolsero all’ufficio Politiche disabilità della CGIL Campania/Napoli lamentando l’ennesima ingiustizia sul diritto al lavoro delle persone con disabilità. Detto Ufficio, assieme alla CGIL Funzione Pubblica Campania e Napoli e con il determinante supporto dell’Ufficio Vertenze della CGIL, avvia un percorso sindacale per difendere i diritti delle persone a partire da quello al lavoro.

Un primo risultato di questo percorso ci viene dato dalla Quinta Sezione del TAR  della Campania che, con sentenza definitiva, ha disposto l’obbligo dell’ASL NA1 “di provvedere con un atto definitivo nel termine di giorni trenta decorrente dalla comunicazione (della sentenza nda)” inoltre, “in mancanza, a richiesta di parte interessata, il Prefetto di Napoli – o funzionario delegato provvederà, nella veste di Commissario ad acta di questo Tribunale, nel termine di ulteriori 90 (novanta) giorni, a tutto quanto necessario per la piena ottemperanza al presente giudicato.

Questo importante risultato premia l’impegno e la sinergia tra la FP CGIL e l’ufficio Politiche disabilità e prova a dare una prima risposta alle innumerevoli lotte quotidiane che le persone con disabilità mettono in campo per difendere il diritto al lavoro.

Nei prossimi giorni studieremo le varie implicazioni che la sentenza comporta e ci confronteremo con le persone protagoniste di questo percorso intrapreso per valutare le iniziative da intraprendere.

Napoli 30.12.2013

fonte: sentenzaaslna1